Il maestro Guru Maharaji

Mantova
yoga mantova maestro guru

Guru Maharaji

 

Un giorno voi incontrerete colei o colui
che avendo fatto l’Esperienza
è disponibile a dividerla con voi.
Voi lo riconoscerete sicuramente.
La sua capacità di trasmettere
dipenderà dalla fiducia che voi testimonierete.

 

Gérard Blitz

 

 

Guru Maharaj ji all’età di quattordici anni lascia la propria casa per vivere una vita estremamente austera, principalmente in ritiro sulle montagne dell’Himalaya, applicando i precetti delle Scritture classiche indù al solo scopo della realizzazione dell’anima e del Divino. Dedica tutta la sua esistenza all’antica scienza dello yoga e alla diffusione della conoscenza derivata dal suo incontro con molti grandi asceti coevi e dalle sue personali esperienze spirituali. I suoi insegnamenti sono raccolti in molti scritti, fra cui spicca per importanza il testo intitolato La Scienza dell’Anima.

 

Guru Maharaj ji, che ha lasciato il corpo nel 1985 all’età di 99 anni, arriva nella vita di Veronica, fondatrice di Yoga Padma Niketan, per il tramite di due sue discepole dirette, Lakshmi (Lucia Mincuzzi) e Marga (Margherita Clerici), le quali ne hanno trasmesso in modo autentico e dedicato gli insegnamenti.

 

L’insegnamento di Guru Maharaj ji si genera dall’esperienza della ricerca interiore, da lui intrapresa per oltre 60 anni, con lo scopo ultimo di potenziare la conoscenza scientifica e la sperimentazione interiore e spirituale: “Ricordatevi che il mondo appartiene al genere umano, Dio è presente ma invisibile, Dio pervade ogni cosa, Dio è in noi. Quello che siamo chiamati a fare è riformarci”, modificando la visione del sé.

 

La via indicata dal Maestro è pertanto la via della conoscenza interiore per l’emancipazione dal mondo profano.

 

Nell’introduzione ad uno dei più importanti scritti del Maestro, La Scienza dell’Anima (‘Atma-Vijnana), Marilia Albanese – profonda conoscitrice della cultura tradizionale indiana – sottolinea l’intensa umanità di Guru Maharaj ji, un’umanità non indulgente, bensì consapevole della necessità di intraprendere un percorso arduo di auto-realizzazione per il raggiungimento della verità: “il lungo, tenace, spinoso cammino dell’uomo alla ricerca di se stesso, nel superamento dei propri limiti, per realizzare il luminoso infinito che è in lui”.

 

Il cammino dello yoga, soprattutto quando è percorso con l’intento di parteciparne i benefici ad altri, richiede una preparazione attenta e disciplinata per la quale è fondamentale la guida di un maestro. La scuola Yoga Padma Niketan segue l’insegnamento di Guru Maharaj ji trasmesso secondo la guruśiṣyaparaṃparā, la “successione da maestro a discepolo” che garantisce l’integrità del lignaggio e della tradizione seguita. Nell’ambito tradizionale indiano, infatti, il Guru rappresenta la più autentica garanzia della realizzazione spirituale conducendo il proprio discepolo lungo la difficile via della liberazione dell’anima individuale, accompagnandolo fino alle soglie del mondo sacro, donandogli così l’esistenza immortale.